tocoferolo negli oleoliti

RICETTE, CONSIGLI E DOMANDE

Moderatori: EliWilde82, quana

Regole del forum
Condividi
Rispondi
Avatar utente
naturAle
Messaggi: 916
Iscritto il: 28/11/2011, 14:12
Località: PESCARA

tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da naturAle »

ma voi quando lo mettete? Per gli oli a caldo durante la "bollitura" o dopo? Per quelli a freddo durante la macerazione o quanto è pronto e filtrato? E sopratutto che quantità? Grazie!
ALESSANDRA

C'è la neve nei miei ricordi; c'è sempre la neve... E mi diventa bianco il cervello se non la smetto di ricordare.

Avatar utente
Amelia La Strega
.:|Site Admin|:.
.:|Site Admin|:.
Messaggi: 7188
Iscritto il: 12/06/2011, 11:23
Località: Labico ROMA

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da Amelia La Strega »

Io non l'ho mai messo e non mi sono mai irranciditi. Comunque per evitare inutili sprechi va messo alla fine, dopo l'ultimo filtraggio. Ho letto in giro che ne va dal 4% al 5%.

Avatar utente
naturAle
Messaggi: 916
Iscritto il: 28/11/2011, 14:12
Località: PESCARA

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da naturAle »

nemmeno io non l'ho mai messo però ai prossimi volevo provare ecco perché chiedevo! Magari qualche goccia non fa male all'oleolito,almeno credo!
ALESSANDRA

C'è la neve nei miei ricordi; c'è sempre la neve... E mi diventa bianco il cervello se non la smetto di ricordare.

Avatar utente
desdemonaxi
Messaggi: 1317
Iscritto il: 15/06/2011, 20:14
Località: Nettuno RM

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da desdemonaxi »

Di tocoferolo (se puro, controlla l'INCI) ne basta anche uno 0,25%. Aumentando la % apporterà benefici anche alla pelle e non solo agli olii.
Amelia probabilmente ti sei confusa con il tocoferile acetato. ;)

Io lo metto sempre, magari l'oleolito non andrebbe a male comunque ma sicuramente male non fa, ed è una sicurezza in più. (Aggiungo anche tea tree oil, forse esagero... :rimba: )

Avatar utente
naturAle
Messaggi: 916
Iscritto il: 28/11/2011, 14:12
Località: PESCARA

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da naturAle »

altra informazione... Ma voi gli oli che usate per gli oleoliti sono quelli anche alimentari? Tipo olio di riso scotti,olio di girasole (quello che si usa pure per le fritture),olio olys carapelli?!
ALESSANDRA

C'è la neve nei miei ricordi; c'è sempre la neve... E mi diventa bianco il cervello se non la smetto di ricordare.

Avatar utente
Amelia La Strega
.:|Site Admin|:.
.:|Site Admin|:.
Messaggi: 7188
Iscritto il: 12/06/2011, 11:23
Località: Labico ROMA

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da Amelia La Strega »

desdemonaxi ha scritto: Amelia probabilmente ti sei confusa con il tocoferile acetato. ;)
No, è Tocoferolo, l'ho trovato scritto qui http://forum.promiseland.it/viewtopic.p ... 7&start=60, però ripeto, io non lo metto quindi non so, magari è una info sbagliata :rimba:
desdemonaxi ha scritto: ..(Aggiungo anche tea tree oil, forse esagero... :rimba: )
Ma non rischia di rovinare l'odore degli oleoliti? Tipo quello di Camomilla o lavanda?

Io comunque ho ovviato al problema della conservazione facendone poco alla volta. La prima volta facevo litri di oleoliti, adesso mi oriento sui 200-300 gr così ho il tempo di finirlo prima che irrandisca e spreco meno oli, meno droghe.. meno di tutto.

Avatar utente
desdemonaxi
Messaggi: 1317
Iscritto il: 15/06/2011, 20:14
Località: Nettuno RM

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da desdemonaxi »

naturAle ha scritto:altra informazione... Ma voi gli oli che usate per gli oleoliti sono quelli anche alimentari? Tipo olio di riso scotti,olio di girasole (quello che si usa pure per le fritture),olio olys carapelli?!
Sì. ^^

Ma non rischia di rovinare l'odore degli oleoliti? Tipo quello di Camomilla o lavanda?
Rovina sicuramente l'odore ma inserendo gli oleoliti negli spignatti in percentuali non alte non si sarebbe sentito comunque.
Io comunque ho ovviato al problema della conservazione facendone poco alla volta. La prima volta facevo litri di oleoliti, adesso mi oriento sui 200-300 gr così ho il tempo di finirlo prima che irrandisca e spreco meno oli, meno droghe.. meno di tutto.
Hai ragione, però nel caso in cui io possegga una grande quantità di droga secca, dura (indicativamente) di più la droga o l'oleolito?

Avatar utente
Nuancedebleu
Messaggi: 1124
Iscritto il: 18/10/2011, 13:48
Località: Roma

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da Nuancedebleu »

Per la droga secca in erboristeria mi dicono che dura circa un anno dall'essiccatura, tuttavia non é una durata fissa nel senso che va a male. Piuttosto perde pian piano alcune proprietà a contatto con aria e luce. Infatti suggeriscono di trasferirla subito dalla busta di carta al barattolo ermetico e protetto dalla luce.
Per quanto mi riguarda mipiace che si vedano e quindi le metto in barattoli trasparenti, ma in ambiente poco luminoso.

Avatar utente
eleeleelena
Messaggi: 22
Iscritto il: 27/03/2012, 13:16
Località: Verona

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da eleeleelena »

Io ho sempre usato olio di riso da supermercato per gli oleoliti, tranne quando usi qualche droga particolare per esempio bucce di pomodoro o peperoncino in cui è molto meglio l'olio d'oliva perché estrae meglio (magari in questi casi faccio metà olio d'oliva e metà olio di riso).
Il tocoferolo lo aggiungo in bassissime quantità, tipo 0.5-1 g su un vasetto di 200-300g. Non mi è mai irrancidito nulla, ma li tengo tutti in bottiglie di vetro scuro e all'interno di una scatola.

Avatar utente
Amelia La Strega
.:|Site Admin|:.
.:|Site Admin|:.
Messaggi: 7188
Iscritto il: 12/06/2011, 11:23
Località: Labico ROMA

Re: tocoferolo negli oleoliti

Messaggio da Amelia La Strega »

desdemonaxi ha scritto: Hai ragione, però nel caso in cui io possegga una grande quantità di droga secca, dura (indicativamente) di più la droga o l'oleolito?
Mah, secondo me la droga. Perchè l'oleolito dura fino alla scadenza del primo olio utilizzato (in caso se ne usi più di uno) e l'equilibrio di un oleolito è molto più delicato (temperatura, aria, impurità, tipo di oli utilizzati, bottiglia di vetro scuro o trasparente, qualità della droga, tipo di oleolito - se a freddo o a caldo-), invece la droga sta lì, senza particolari esigenze (se non le classiche minime in merito alla conservazione e l'igiene) e se essiccata nel modo giusto (quelle da erboristeria lo sono più o meno tutte) dura anni intatta.

Rispondi
Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite