SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

RICETTE, CONSIGLI E DOMANDE SULLA CREAZIONE DEL SAPONE FATTO IN CASA

Moderatori: quana, Sara79

Regole del forum
Condividi
Rispondi
Avatar utente
Amelia La Strega
.:|Site Admin|:.
.:|Site Admin|:.
Messaggi: 7188
Iscritto il: 12/06/2011, 11:23
Località: Labico ROMA

SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da Amelia La Strega »

Per fare il sapone in casa, sia se si usa il metodo a caldo che quello a freddo è necessaria la soda caustica.
A questo ingrediente è il caso di dedicare qualche riga da leggere attentamente perché da una cosa piacevole, utile e divertente, come fare il sapone, basta poco per avere brutte sorprese o incidenti evitabili.
SODA CAUSTICA è il nome con cui identifichiamo comunemente l'idrossido di sodio (simbolo chimico NaOH). Si tratta di un alcale formato
dal legame di un atomo di sodio (Natrium, Na) con uno di ossigeno (O) e uno di idrogeno (H).
Il legame è tra questi atomi è molto instabile ed è per questo motivo che la soda caustica reagisce con violenza e tende a combinarsi velocemente soprattutto con i liquidi.
Per fare il sapone si usa idrossido di sodio anidro puro al 98-99 per cento, quindi va trattato con cautela, ma non bisogna esserne terrorizzati. Basta seguire alcune regole su come maneggiarla e come trattarla in piena sicurezza e fare il sapone sarà una bellissima esperienza, che del magico, ve lo garantisco!
Ecco le regole:

1- Per cominciare bisogna sapere dove acquistarla. Nelle ferramenta o anche nelle drogherie (che però stanno scomparendo) è molto facile trovarla e costa davvero poco. Si trova sottoforma di scaglie biancastre o perle. Molto importante è acquistare l’idrossido di sodio (soda CAUSTICA) e non prodotti A BASE DI SODA, altrimenti la concentrazione ti tale ingrediente è così bassa che il sapone non vi verrà.
Immagine

2- Come per tutte le sostanze pericolose, e reagendo a contatto con i liquidi compresa l’umidità dell’aria, una volta acquistata la soda va conservata in un luogo asciutto, lontano da fonti di calore, cibi o bevande, al riparo da bambini e animali domestici. Io, oltre a chiudere bene il contenitore (in genere un barattolo di plastica a bocca larga) lo tengo in una busta annodata con una bella etichetta grande e visibile con scritto “SODA CAUSTICA”, e magari ci disegno pure il classico teschio dei pirati, tanto per essere chiari…

3- Quando si fa il sapone, anche se sarebbe una cosa molto affascinante da vedere, evitate di farlo con bambini presenti o.. persone che non sanno stare ferme con le mani e hanno una spiccata vena collaborativa. Idem per cani, gatti o altri animali che zampettano da tutte le parti. Trovatevi un posto tranquillo dove non sarete disturbate, rilassatevi ma restate concentrate e godetevi lo spettacolo del sapone.

4- La sicurezza al primo posto, e quindi avrete bisogno di alcune cosette per tutelarvi. La soda caustica al contatto con i liquidi potrebbe schizzare quindi un paio di occhiali da lavoro in plastica trasparente (sempre in ferramenta) o un paio di occhialini da immersione vi proteggeranno da eventuali rischi. Evitate gli occhiali da sole, noi vogliamo fare il sapone, non diventare una talpa ustionata!
Stesso discorso per le mani, ma qui sono sufficienti i guanti di gomma, quelli per lavare i piatti. No ai guanti in lattice, sono troppo sottili e non coprono gli avambracci.
Il sapone ha bisogno di stagionare prima di essere pronto all’uso, questo tempo serve alla soda che resta di essere eliminata, ciò significa che bisognerà indossare i guanti anche quando si maneggerà il sapone durante questo periodo perché potrebbe essere irritante.
Un bel grembiule completerà questa divisa da palombaro/alieno. Se durante la lavorazione del sapone qualcuno suonerà alla vostra porta NON aprite. Non tanto per il sapone, ma perché potreste causare un bello spavento al mal capitato!

5- Ora passiamo agli strumenti necessari per fabbricare il sapone, quindi ci servono:
- una bilancia elettronica di precisione
- un bicchiere di plastica
- un termometro che misuri da -10 a +110
- una pentola di acciaio inox
- una caraffa o una ciotola in vetro o ceramica resistenti alle alte temperature
- cucchiai di acciaio inox
- un cucchiaio di legno
- un frullatore a immersione (Mini Pimer)
- stampi per il sapone in silicone o alternative domestiche come vecchie vaschette del gelato, ecc.
- vecchie coperte per avvolgere gli stampi e tenerli caldi
Materiali da evitare: rame, alluminio, ferro, antiaderenti


6- La soda caustica, ormai l’abbiamo capito è pericolosa. Oltre al contatto diretto va assolutamente evitata anche l’ingestione accidentale, ma anche questi rischi possono essere facilmente evitati e abbiamo 2 alternative:
a. utilizzare come utensili oggetti vecchi che non riutilizzeremo per cucinare. Questo però verrà automatico quando fare il sapone sarà per noi una piacevole abitudine. Ma se lo vogliamo fare solo per provare? Conviene poi buttare pentole e cucchiai? Allora c'è la seconda possibilità!
b. lavare bene (ma bene bene!) e abbondantemente tutti gli oggetti che intendiamo riutilizzare a in cucina (tranne il cucchiaio di legno e gli stampi ovviamente che verranno usati d’ora in poi solo per fare il sapone) aggiungendo nell'acqua oltre al sapone un bel bicchierone di aceto (che aiuta a neutralizzare la soda caustica).

7- Uno dei passaggi da fare per creare il sapone è far sciogliere la soda nell’acqua. La soda a contatto con un liquido provoca una reazione chimica che porta il liquido a scaldarsi molto velocemente, anche oltre 80°, e sono possibili degli schizzi di acqua calda o pezzetti di soda.
E’ molto importante versare la SODA nell’ACQUA e NON VICEVERSA per evitare questi rischi!
Questo passaggio è consigliato farlo mettendo la ciotola d’acqua che attende la soda nel lavandino, in questo modo se dovesse rompersi per il calore andrebbe tutto nello scolo del lavello senza rischi per te o danni materiali. In oltre va ricordato che questa reazione soda/liquido rilascia dei fumi molto irritanti, quindi se è possibile è consigliabile farla all’esterno, oppure mantenendo la finestra aperta durante questa fase ed evitare di star lì con la testa china sulla soluzione a guardare cosa succede (tanto non è niente di particolarmente interessante).

8- In caso di contatto accidentale con la soda caustica sulla pelle niente panico, ma mettere la parte colpita sotto abbondante acqua corrente per qualche minuto. Tenete sotto mano sempre o dell’aceto o una soluzione di acqua e acido citrico che neutralizza la basicità della soda. Se la parte colpita sono gli occhi significa che non indossavate gli occhiali protettivi (mannaggia!), sciacquate sempre con acqua corrente e andate dal medico per sicurezza. In caso di ingestione andate il prima possibile nel più vicino Pronto Soccorso.


Queste sono le semplici regole per fare il sapone e divertirsi.
Il tono leggermente umoristico di questo mio resoconto non ha lo scopo di far pensare che maneggiare la soda sia un gioco, anzi, le regole ci sono e sono da seguire attentamente. C’è da dire però che la soda non può essere uno spauracchio che ci blocca. Anche tagliare il pane, se fatto senza un minimo di buon senso può diventare pericoloso, ma questo non ci impedisce di farlo. Se si conoscono i lati pericolosi di qualcosa si scoprono anche i modi per evitarli. Quindi adesso non avete più scuse.
Vi garantisco che la prima volta sarà molto stressante (per via della paura della soda o più semplicemente di sbagliare e può capitare che la prima volta non vi riesca), ma vi assicuro che la soddisfazione è tanta e capirete che ne è valsa la pena!

lady76
Messaggi: 6
Iscritto il: 23/07/2011, 1:50
Località: Basilicata: Lauria Superiore (Potenza)

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da lady76 »

Ottima guida. Grazie mille. Volevo provare a fare il sapone, ma avevo paura proprio della soda (visto che sono una gran sbadatona). Ora che sò tutte le precauzioni e le risoluzioni in caso di qualche incidente di percorso, sicuramente ho meno paura....comunque, terrò sempre gli occhi e la testa, ben collegati fra di loro. Un saluto
..."è stato meglio perderci, che non esserci mai incontrati"

Avatar utente
Dartagnan
Messaggi: 322
Iscritto il: 09/01/2012, 13:34
Località: Lamezia Terme - Cz

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da Dartagnan »

Fantastico!! Amelia mi è appena balenato in mente un ricordo!! Mia nonna fa il sapone in casa, e lo sanno fare anche mia zia e mia madre!
Mi sà che mi avvicinerò a quest'arte!!! :D :D :cuore:

Avatar utente
MsSirenella
Messaggi: 765
Iscritto il: 20/02/2012, 10:18
Località: roma

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da MsSirenella »

non so se questo è il posto giusto, eventualmente, come sempre, spostatemi pure.
a proposito della soda e del sapone volevo chiedervi se gli utensili che usate (pentola, minipimer) poi li utilizzate esclusivamente per il sapone oppure dopo averli opportunamente lavati si possono riutilizzare di nuovo in cucina

sapete non contenta dei fiaschi con le creme :o :o

ma qui però farò moooolta attenzione :geek:
ImmagineA provocare un sorriso è quasi sempre un altro sorriso....
sorridi che è gratis!!

Avatar utente
Amelia La Strega
.:|Site Admin|:.
.:|Site Admin|:.
Messaggi: 7188
Iscritto il: 12/06/2011, 11:23
Località: Labico ROMA

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da Amelia La Strega »

C'è scritto nel testo del primo post, comunque io adesso ho degli utensili che uso solo per sapone, prima però no e mi arrangiavo lavando bene, bene, bene.. e poi ancora bene.
Però il minipimer e eventuali cucchiai di legno li ho sempre usati solo per il sapone e non per cucinare, perché il legno assorbe e poi è impossibile da ripulire e il minipimer è pieno di spazietti dove sono le lame che rendono difficile la pulizia perfetta. Comunque con una decina di euro il minipimer lo trovi, quindi si può fare.
Tutto il resto, se in acciaio, può essere pulito e riutilizzato in cucina.

Avatar utente
MsSirenella
Messaggi: 765
Iscritto il: 20/02/2012, 10:18
Località: roma

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da MsSirenella »

ooooopsss :oops: se non è l'una qualcos'altro di sbagliato da fare lo trovo !!!!
grazie
ImmagineA provocare un sorriso è quasi sempre un altro sorriso....
sorridi che è gratis!!

Avatar utente
Mica Minerale
Messaggi: 141
Iscritto il: 24/08/2012, 9:04
Località: Roma

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da Mica Minerale »

Ciao a tutti...domanda(forse ovvia, ma sono alle prime armi): quanto tempo si conserva la soda caustica una volta aperta ?
Grazie

Avatar utente
Amelia La Strega
.:|Site Admin|:.
.:|Site Admin|:.
Messaggi: 7188
Iscritto il: 12/06/2011, 11:23
Località: Labico ROMA

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da Amelia La Strega »

Non ha scadenza. Intendo dire, se ben conservata e chiusa bene nel suo contenitore non si rovina. E' molto sensibile all'umidità e se posta in ambiente umido è anche pericolosa perchè è proprio a contatto con l'acqua che emette fumi e fa la sua reazione tipica producendo calore ;)

Avatar utente
paola4288
Messaggi: 7
Iscritto il: 15/05/2013, 13:17
Località: napoli

Re: SODA CAUSTICA - COME MANEGGIARLA SENZA RISCHI

Messaggio da paola4288 »

buon pomeriggio,siccome sono alle primissime armi con lo spignatto volevo chiedere alle più esperte: nei primissimi esperimenti di creme posso evitare si utilizzare la soda?Vorrei prima avere più sicurezza e manualità..usando la soluzione di bicarbonato mi si sfascerà l'emulsione??e poi un'altra cosa...ho letto su vari siti che generalmente la soda è utilizzata quando si fanno creme col gel al carbopol ultrez 21, perchè il bicarbonato lo sfascerebbe..se faccio dunque creme con la xantana va bene anche il bicarbonato per il ph?'grazie mille a chiunque mi risponderà.

Rispondi
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti